❛❛Colleziono libri allo stesso modo in cui le mie amiche comprano borse firmate.
A volte mi basta sapere di averli e non mi pongo il problema se riuscirò a leggerli.
Non che alla fine non li legga tutti , a uno a uno. Lo faccio.
Ma il solo gesto di comprarli mi rende felice.
È difficile da spiegare, ma io mi sento, in un certo senso, più ottimista.
[J. Kaufman e K. Mack]

lunedì 5 febbraio 2018

"Arabesque" di Alessia Gazzola


Arabesque
Alessia Gazzola

Listino: € 17,60
Copertina: Rilegato 
Editore: Longanesi
Collana: La gaja scienza
Pagine: 349
Lingua: Italiano 
EAN: 9788830448797 
Data di uscita: 13/11/2017
Genere: romanzo giallo

Trama: Tutto è cambiato, per Alice Allevi: è un mondo nuovo quello che la attende fuori dall'Istituto di Medicina Legale in cui ha trascorso anni complicati ma, a loro modo, felici. Alice infatti non è più una specializzanda, ma è a pieno titolo una Specialista in Medicina Legale. E la luminosa (forse) e accidentata (quasi sicuramente) avventura della libera professione la attende. Ma la libertà tanto desiderata ha un sapore dolce amaro: di nuovo single dopo una lunga storia d'amore, Alice teme di perdere i suoi punti di riferimento. Tutti tranne uno: l'affascinante e intrattabile Claudio Conforti, detto CC, medico legale di comprovata professionalità e rinomata spietatezza. Quando le capita il suo primo incarico di consulenza per un magistrato, Alice si rimbocca le maniche e sfodera il meglio di sé. Al centro del caso c'è una donna di 45 anni, un tempo étoile della Scala e oggi proprietaria di una scuola di danza. In apparenza è deceduta per cause naturali. Eppure, Alice ha i suoi sospetti e per quanto vorrebbe che le cose, per una volta almeno, fossero semplici, la realtà è sempre pronta a disattenderla. Perché, grazie alla sua sensibilità e al suo intuito, Alice inizia a scoprire inquietanti segreti nel passato della donna, legati all'universo - tanto affascinante quanto spietato e competitivo - del balletto classico...


Recensione

Settimo libro della saga di Alice Allevi, e ultimo libro uscito (con mio grande dispiacere!). Mi rincuora, però, il sapere che la Gazzola si sia già messa al lavoro con l'ottavo libro che, a quanto dice, uscirà questo autunno!  Intanto, sono anche cominciate le riprese della seconda stagione della serie TV del "L'Allieva" (recensione prima stagione) con Lino Guanciale e Alessandra Mastronardi.
Tornando al libro, non penso ci sia bisogno di aggiungere che come gli ultimi tre libri, anche questo l'ho finito in un battibaleno, e questo in particolar modo, rispetto agli altri, perché manca quel rompi scatole di Arthur!!!! Happy. Grazie a ciò, Conforti ha avuto maggiore spessore, ed un maggiore coinvolgimento in tutta la trama.
Possibilmente ridondante, esprimo sempre il mio entusiasmo per la scrittura dell'autrice, intellettuale e mai banale, e per l'approfondimento che cela la sua scrittura in ogni argomento che affronta. In questo libro è quello del balletto. Magari meno introspettivo di "Un po' di follia in primavera", meno politico rispetto a "Le ossa della principessa", e meno articolato rispetto a "Una lunga estate crudele"; "Arabesque" risulta comunque essere speciale a modo suo. Non solo per la nuova opportunità amorosa che si prospetta, ma soprattutto per la nuova "avventura" lavorativa: sì, perché finalmente Alice non è più una specializzanda ma un vero e proprio Medico Legale! E' emozionante vedere questi progressi, perché è un po' come maturare con lei, non solo sentimentalmente, ma anche lavorativamente parlando. E questo, a parer mio, ci fa sentire più intimi coi libri.
In questo nuovo capitolo, dunque, vediamo un lato nuovo della nostra pasticciona: più legato alla scienza che all'investigazione, (anche se il suo lato curioso non viene in alcun modo intaccato), quindi la ritroviamo a passar molto meno tempo con Calligaris, e molto più tempo a cercare da sola le soluzioni alle sue domande. Anche perché, particolarità della nostra Alice è quella di cercare e ficcanasare ancor prima di sapere cosa cercare, trovando poi, per puro culo, le risposte alle domande che sorgeranno soltanto dopo. E' geniale, in un certo senso!
❛❛...Di certo, questo negozio sarà la mia tappa di domani. Cosa cerco? Come al solito, non saprei dirlo nemmeno io.❜❜
(Probabili spoiler! Se non si vogliono conoscere troppi dettagli, non continuare a leggere!)
Personalmente soffro un po' di insonnia, e a dormire ci metto un po'. Ma l'altro ieri sera (notte a dire il vero) mi sono subito addormentata, tutta felice e contenta! Il lieto fine forse non è proprio alle porte, dato che nessuno s'è ancora accoppato la Wally, ma ci sono stati dei passi in più verso una relazione stabile da parte di Claudio, e questo è stato fantastico!!!! Non solo la porta all'ikea, distruggendo tutti i limiti che si era posto... Ma le chiede di andare a vivere con lui, sapendo di dover condividere i suoi spazi con una che di curiosità ne ha da vendere, lui che è così reticente perfino a parlare di sé! Se non è amore questo... 🖤🖤

Alice: "No. Non ci posso credere. C'è un morto all'Ikea!"
Claudio: Sveglia, Allevi. Non c'è nessun morto, a parte il mio orgoglio. Andiamo, prima che ci ripensi."
Disegno dedicato ad Arabesque - Alberto Zuccalà
C: "Significa che adesso vivrai da sola?"
A: "Già."
C: "Quell'appartamento è davvero un cesso. Lo sai, no?"
A: "Sì, ma ci sono affezionata."
C: "Alice vieni da me."
A: "Dai, Claudio. Per una sera il sacrificio puoi farlo, no? Non chiedere a me di uscire, siamo a -4°."
C: "Non volevo dire stasera, sciocchina. Intendo, vieni a stare con me. Proviamoci, a svegliarci insieme ogni mattina. Ma ti avviso, l'albero di Natale non te lo lascio fare."
Morta. Sono in brodo di giuggiole. 😍😍 A questo punto non mi rimane che pregare che avvenga il miracolo e che Alessia scriva il libro prima dell'estate, perché io non ce la faccio a stare con sto patema!!!!! Soprattutto dopo aver letto quello che ha combinato la Wally, perfida malefica. Ma la Gazzola ha detto che non ci saranno tragedie...solo pepe. Speriamo però che alla fin dell'ottavo libro torni lo zucchero, o potrei non rispondere delle mie azioni. 😶😶



Nessun commento:

Posta un commento