giovedì 3 settembre 2020

"Sulle tracce di Jack Lo Squartatore" di Kerri Maniscalco

giovedì, settembre 03, 2020 0 Comments
In quest'ultimo periodo - come detto precedentemente - mi sono data alla lettura prevalentemente di manga, è d'obbligo dunque ringraziare Audrey Rose che trasportandomi nella Londra Ottocentesca e alle sue oscurità mi ha sbloccata da questa immobilità letteraria!

Sulle tracce di Jack Lo Squartatore
Kerri Maniscalco



Titolo originale:
Stalking Jack the Ripper 
Listino:
20,00€
Copertina: Rilegato
Editore: Oscar Mondadori
Collana: Fantastica
Pagine: 372
EAN: 9788804724056
Data di uscita: 15/09/2020
Genere: giallo
È stata cresciuta per essere la perfetta dama dell’alta società vittoriana, ma Audrey Rose Wadsworth vede il proprio futuro in modo molto diverso. Dopo aver perso l’amatissima madre, è decisa a comprendere la natura della morte e i suoi meccanismi. Così abbandona l’ago da ricamo per impugnare un bisturi da autopsia, e in segreto inizia a studiare Medicina legale. Presto viene coinvolta nelle indagini sull’assassino seriale noto come Jack lo Squartatore e, con orrore, si rende conto che la ricerca di indizi la porta molto più vicina al suo mondo ovattato di quanto avrebbe mai creduto possibile.


Pur essendo una conclamata fifona la scienze forense mi ha sempre affascinata. Dalle scene di CSI, ai libri della Gazzola tinti di rosa ho scoperto un intenso interesse per la medicina legale, possibilmente proprio per il suo lato analiticamente scientifico; per cui, quando mi sono ritrovata questo libro per le mani non ho potuto che addentrarmi nuovamente in un umido scantinato dall'odore tanto acre e nauseabondo quanto ricco di mistero

L'opera nata dalla penna dell'autrice è sicuramente più macabra e ansiogena delle letture fatte sull'argomento, dopotutto il personaggio a cui si ispira è uno dei più efferati assassini che hanno fatto la storia: Jack Lo Squartatore.

La figura storica di questo serial killer non aveva destato in me alcun interesse prima d'ora, ma leggendo l'opera mi sono ritrovata ad apprezzare la quantità di dettagli storici nella trama. L'autrice ha usato tutte le informazioni riguardanti gli omicidi attribuiti a Jack Lo Squartatore e ha riportato - a fine libro - una spiegazione su tutte le informazioni che ha modificato al fine di seguire una proprio linea degli eventi. Ho amato questo uso delle informazioni reali e il modo in cui ha intrecciato la storia di Jack alla vita londinese della sua protagonista. E, a quanto ho visto dai titoli che seguono a questa sua prima opera, Jack non è l'unico personaggio storico a cui l'autrice si è ispirata. Affascinante.

Un'altra cosa che ho amato è la presenza di fotografie reali, che davano maggiormente la possibilità al lettore di calarsi nell'arco storico degli avvenimenti. Senza considerare che nel libro si ha a che fare con un bel mix di personaggi storici e letterari: oltre che Jack, viene "citata" l'opera di Mary Shelley, Frankenstein, a cui sono particolarmente affezionata [QUI la recensione]. Inoltre uno dei medici che si occupò del caso del Grembiule di Cuoio fu di ispirazione a Doyle per la creazione dell'investigatore più conosciuto al mondo: Sherlock Holmes, ed è quantomeno intrigante che il personaggio di Thomas abbia delle capacità intuitive e d'osservazione tipiche del personaggio di Arthur Conan Doyle! Questo genere di cose mi fa andare sempre in brodo di giuggiole!
Nessun progetto scientifico dev'essere causa di dolore!
Parlato della capacità della Maniscalco a integrare finzione e realtà insieme, dando adito all'entusiasmo nerd, devo ora spendere due parole per la protagonista: Audrey Rose. Leggendo ho avuto la sensazione che partendo alla grande, la sua evoluzione sia stata talmente lenta da risultare invisibile. Non posso dire di essermi affezionata a lei, né di trovarla particolarmente simpatica o interessante, o comunque non così tanto da darmi l'impressione che potesse dare più di quello che ha dato nel primo libro. Ho trovato, invece, interessante la sua voglia di libertà e indipendenza e seppur la sua forza di spirito non sempre mi abbia catturata, ciò a cui si dedica è di sicuro di grande importanza e orgoglio, nonché incredibilmente avanti per gli anni in cui è ambientata la storia. Seppur è il periodo vittoriano quello in cui nascono mansioni mediche e infermieristiche femminili. Come cita Liza (personaggio che per quel poco che è apparso ho apprezzato moltissimo):
Devi brandire le tue doti come una lama, cugina. Il corsetto non è certo stato inventato per valorizzare il cervello. Lasciamo credere agli uomini che siano loro a governare il mondo, intanto è una regina a sedere sul trono.
Detto questo è per tali motivi che avrei definito tranquillamente il libro come autoconclusivo, e seppur apprezzi il progetto dell'autrice, mi chiedo cosa possa dare in più nel secondo, terzo e quarto libro!

lunedì 31 agosto 2020

"Partner" di Miho Obana

lunedì, agosto 31, 2020 0 Comments
Buongiorno amanti di manga! In questo ultimo periodo mi sto dedicando praticamente solo alla lettura di manga... estremamente stressata e in cerca di riposo mentale mi trovo molto più a mio agio nel mondo nipponico, e soprattutto nella lettura delle opere di Kazuya Minekura e Miho Obana, a cui mi sto appunto dedicando da un po' di tempo, cercando così di smaltire quelle letture che mi aspettavano già da un po'!


Titolo originale: Partner
Titolo italiano: Partner
Nazionalità: Giappone
Casa Editrice: Shueisha
Disegni: Miho Obana
Storia: Miho Obana
Categoria: Shoujo
Anno: 1999 - 2001
Volumi: 3
Stato in patria: completato
Stato in Italia: completato

Partner narra le vicende delle gemelle Nae e Moe e dei loro ragazzi, Takashi e Ken, alle prese con un'organizzazione che si pone come agghiacciante obiettivo la creazione di una nuova razza di cadaveri rianimati: la LSP, Living Stuffed People. Un giorno le due sorelle litigano, lasciandosi piene di rancore. Poco dopo Nae viene informata della morte di Moe: la ragazza sarebbe rimasta uccisa in un incidente stradale. In realtà il suo destino è ancora più atroce, e il suo corpo sta per tornare a uno stato di non-vita…

♡ 1° Edizione 
Anno: 2006
Editore: Dynit
Volumi: 3
Prezzo: 4,50€
♡ Box
Anno: 2008
Editore: Dynit
Box: 1
Prezzo: 10,80€



Avendo già letto "Andante" [QUI la recensione] e "Kodomo no omocha" [QUI la recensione], ammetto che questa opera è quella che meno mi ha preso! L'ho letta un po' a fatica, e abbastanza velocemente... La trama è abbastanza originale, ma sfortunatamente ho trovato che fosse poco studiata e sviluppata. Sembrava molto avvincente, e poteva dare un ottimo risultato, ma in molte occasioni l'ho trovata approssimativa. Me ne dispiace perché i messaggi che la Obama trasmette nelle sue opere sono sempre molto intensi e delicati allo stesso tempo: in questo caso ciò che mi è arrivato è la percezione di quanto possa essere effimera un'esistenza o di come sia importante il tempo dedicato al perdono e al chiarimento.

Tra le protagoniste conosciute Nae dovrebbe rappresentare la più "cazzuta": è l'unica che fa uno sport "violento", ed è quella più diretta e "cinica", ma non l'ho trovata particolarmente tosta. Oltre che i momenti in cui perde le staffe - e quello un po' irreale ma coraggioso durato ben troppe ore - non mi ha dato l'impressione di essere una forza della natura come invece mi ha dato Sana! Certo, non è sicuramente lo stesso ambiente e non accadono le stesse disavventure, ma nel loro modo di reagire ho avuto la sensazione che sia Sana quella con maggior carattere - pur sapendo le fragilità della suddetta.

La scrittura è sempre molto leggera, ma in questo caso non mi ha particolarmente colpita né per ilarità né per dolcezza. Non mancano i momenti toccanti, questo è assicurato, ma non mi hanno coinvolta quanto mi sarei aspettata. I disegni sono similari a quelli passati, ma anche qui non m ha colpito nessuno in maniera particolare!

mercoledì 29 luglio 2020

BookTag #2: Tangled ♡

mercoledì, luglio 29, 2020 6 Comments
Buonasera! Entrando sul blog Ombre Angeliche mi sono ritrovata davanti questo adorabilissimo BookTag ispirato e dedicato a Rapunzel!! Adoro questa principessa, per cui non ho potuto che partecipare!!! 

AFFERRO UN LIBRO O DUE DALLA MIA LIBERIA E VIAGGIO ANCORA UN PO' CON LA MIA FANTASIA 
1. Che libri sceglieresti di leggere e rileggere continuamente? 
 
Twilight l'ho letto spesse volte, alcuni ne parlano male, altri si riferiscono a questa storia solo considerando i film; personalmente ho sempre amato questa saga! È dolce, leggera e a volte divertente. È una di quelle letture che ti fa compagnia nelle notti di insicurezza, nella domeniche di noia, e quando vuoi rincontrare vecchi amici! Red, invece, mi ha fatto morire dalle risate per tutti e tre i libri! È stata una lettura meravigliosa, intrigante e originale. La protagonista è una pazza esaurita, simpaticissima, e adorabile. Peccato che i film che hanno fatto si discostino tantissimo dai libri :(

UNA PADELLA? CHI L'AVREBBE MAI DETTO! 
2. Che libro useresti come arma di difesa?
Se mi trovassi in difficoltà la graphic novel di Martin sarebbe sicuramente un'arma magnifica! Ha superato di gran lunga i libri illustrati di Harry Potter per pesantezza e grandezza! Ancora non l'ho letta, volevo prendere i libri e leggere prima quelli... ma l'ultima serie di got mi ha lasciato talmente sconvolta e disgustata che ho perso l'interesse T.T Però queste graphic novel sono veramente bellissime! Quindi ho trovato il compromesso: ciao libri, benvenuti fumetti.

"IO TI PORTO A VEDERE LE LANTERNE E TU MI RIDAI LA BORSA?"
"È UNA PROMESSA." 
3. Che libro porteresti in viaggio o in vacanza? 
In questo momento porterei sicuramente Alice! È da taaanto che voglio leggerlo, e un viaggio sarebbe l'occasione adatta per cominciarlo, finalmente!!!

"UN DONO COME QUESTO DEVE ESSERE SEMPRE PROTETTO. ECCO PERCHÉ MIA MADRE NON MI HAI MAI... ECCO PERCHÉ NON SONO MAI..."
"NON SEI MAI USCITA DA QUELLA TORRE?"
4. Che libro proteggeresti a costo della vita?
Da shadowhunters non potrei che proteggere il codex! Introvabile da anni, è una perla rara per i collezionisti!!! Bellissimo sia dentro che fuori. Lo adoro.

LA DANZA DEL REAME 
 5. Che libri vorresti comprare nel futuro prossimo?
Sicuramente loro!! ho letto il primo libro ed è stata un'incredibile avventura leggerlo!! Quindi non vedo l'ora di poter leggere il seguito :)

"MA SE NIENTE DI QUELLO CHE HO SEMPRE SOGNATO SI AVVERASSE?"
"SI AVVERERÀ"
"E SE ANCHE FOSSE, CHE COSA FARÒ POI?"
"BE', È LA PARTE PIÙ BELLA, DIREI: TI CERCHERAI UN NUOVO SOGNO."
6. Prendi un libro con una storia d'amore.
Qualcuno ha detto amore??? Beh, allora quello che cercate è questo. Tatiana e Alexander - per i più intimi Tatia e Shura - vi aspettano a Leningrado, all'apice della seconda guerra mondiale, tra le insidie della Madre Russia, il freddo, la fame e le gelosie di un amore nato per caso, quasi per errore, che vi farà tribolare, sognare, piangere e sperare pagina dopo pagina.

 "CHE COSA GLI HAI FATTO?"
"QUEL CRIMINALE VERRÀ IMPICCATO PER I SUOI CRIMINI." 
7. Che libro consigli di leggere prima di morire?
Dura lex sed lex.

"TI SBAGLIAVI RIGUARDO AL MONDO, E TI SBAGLIAVI RIGUARDO ME!" 
 8. Quale personaggio fa sempre scelte sbagliate?
Sinceramente non so davvero chi rispondere! In genere mi piacciono le protagoniste dei libri che leggo, fanno alcune cavolate e per questo le prenderei a ceffoni... ma dire che fanno sempre scelte sbagliate è esagerato. Per cui mi trovo ad un bivio: scegliere una delle protagoniste di cui ho letto ma di cui non ho terminato la lettura perché mi sono spoilerata il finale (tremendo T.T) o scegliere la protagonista per eccellenza che prenderei a testate, ma di cui ho letto solo quattro libri e quindi, in teoria, ancora non la posso prendere a testate perché non ha ancora fatto nulla per meritarsele??! 😶 Non so se mi sono spiegata. ahahahah Comunque la prima scelta sarebbe Trix di Divergent, a sinistra, la seconda scelta sarebbe Elena de Il diario del Vampiro, a destra. Scegliete voi! 
Ah, per chi se lo stesse chiedendo: sì, la stupidissima scelta sbagliata di Elena è Damon e non Stefan. 💙
 


 "TU ERI IL MIO NUOVO SOGNO."
9. Prendi un libro che ti ha fatto emozionare.
La saga di Fallen è una di quelle saghe che una fan del fantasy non può assolutamente perdersi! Sono stata anni ad aspettare l'ultimo libro, ed è stato incredibile. Ho pianto come una pazza nel quarto libro, e mi sono emozionata in ogni pagina nel terzo! Lo consiglio davvero tantissimo!!!



Bene, è stato difficile - ma non troppo - scegliere i libri! Vi invito a partecipare :) e qualora lo facciate avvertitemi pure, cosicché possa conoscere le vostre risposte! Vi lascio con un'immagine del mio storybook di Jim Shore ispirato a Rapunzel! ♡

martedì 28 luglio 2020

"Andante" di Miho Obana

martedì, luglio 28, 2020 2 Comments
Buongiorno amanti di manga! Aspettando l'arrivo dell'ultima serie pubblicata sotto forma di box di Saiyuki, mi sono data alla lettura di una delle opere comprate e ancora non lette. Tra le varie scelte mi sono buttata su quella più piccolina, un'opera di Miho Obana, famosa per "il giocattolo dei bambini" [QUI la recensione], conosciuto in Italia soprattutto col titolo "Rossana". Ero un po' critica, avendolo comprato di seconda mano temevo che chi se ne fosse liberato l'avesse fatto perché non valeva granché... (anche perché l'ho acquistato tutto a 4€! Pochissimo!!!) Invece, mi sono davvero ricreduta.


Titolo originale: Andante
Titolo italiano: Andante
Nazionalità: Giappone
Casa Editrice: Shueisha
Disegni: Miho Obana
Storia: Miho Obana
Categoria: Shoujo
Anno: 2001 - 2002
Volumi: 3
Stato in patria: completato
Stato in Italia: completato

Mei Takahara è una ragazza di 14 anni che vive con il fratello, Natsu, un genio della musica. Suona il sassofono, è abbastanza brava, ma non ha le doti innate del fratello. Ha un carattere molto forte e quando vuole brioso, ma è irascibile ed estremamente possessiva e gelosa del fratello. Vivono da soli in quanto i genitori sono palesemente svitati e irresponsabili, e come ultima stramberia spediscono ai due fratellastri la terza protagonista, Melvina Molov, detta Mel, che ha recentemente perso la madre, con cui viveva. E' molto carina, ha 15 anni e una voce splendida, notata subito da Natsu. I due sono da subito molto affiatati e si avvicinano sempre di più, cosa questa che Mei nota e che le causa dubbi e gelosie. Ma Natsu è sommerso dal lavoro, non dorme la notte e lo stress lo divora, tanto che per sostenere i ritmi a cui è sottoposto prende di nascosto farmaci, o droghe, che certo non giovano alla sua salute…

♡ 1° Edizione 
Anno: 2006
Editore: Dynit
Volumi: 3
Prezzo: 4,50€
♡ Box
Anno: 2008
Editore: Dynit
Box: 1
Prezzo: 10,80€



Andante. Un titolo singolare. Sicuramente non avevo realizzato a cosa si riferisse quando l'ho comprato, e neppure quando l'ho cominciato a leggere, ma già nel primo volume, una dei protagonisti di questa intrecciatissima quanto semplice storia, svela il mistero del titolo.
Di solito a me piacciono le canzoni con ritmo andante. Mi piace anche il significato! Senza perdere la calma... tranquillamente... alla velocità di una camminata. Mi piacerebbe che voi due trascorreste così le vostre giornate!
E' una definizione che mi ha incredibilmente colpito! Chi non vorrebbe vivere la vita così?! Andante.  Godendosi il viaggio passo passo, senza perdersi un attimo, nella cecità della rabbia o nell'incoscienza di un sentimento. Passeggiando a passo lento, assaporando ogni momento. Di certo Mei non è una di quelle persone che va a passo andante, anzi, è un tipino che si infuria rapidamente (ammetto che su questo mi sono molto ritrovata!), ma la sua percezione di vita cambia, quando ad un tratto alla porta dell'appartamento con cui vive col fratellastro non appare Mel, un'australiana figlia di un'amica del padrigno (padre di Natsu). Decidere di ospitarla cambierà le loro vite. Natsu, genio della musica, non può che innamorarsi della voce angelica di Mel, e Mei, pur innamorata da tutta la vita del fratellastro, non può che affezionarsi alla nuova coinquilina tanto dolce quanto ingenua.
Ma la vita è tutt'altro che semplice, e non appena Mei riesce ad accettare la storia tra i due, cercando in una maniera tanto bizzarra quanto esasperata di scordare il fratello mettendosi con uno sconosciuto, tutto cambia nuovamente, lasciando i nostri protagonisti allo sbaraglio, confusi e incerti sul futuro.

Seppur non sia felice quando non ho un lieto fine, in questo caso sono stata estremamente contenta di come l'autrice abbia deciso di terminare l'opera. Vorrei poter dire di più ma sarebbe un innegabile spoiler, quindi taccio! T.T
La musica ci unisce ancora.
La scrittura è molto leggera, si riconosce il tratto della Miho, molto simile a quello di "Kodomo no Omocha", con la stessa comicità dolce e infantile, che non risulta però stupida. La cosa affascinante è che riesce a mischiare la freschezza della giovinezza a tematiche più adulte, quali la malattia e l'amore fisico, il tutto senza peccare mai di volgarità. Sembra sfiorarli - questi argomenti - senza toccarli realmente, ma ti lascia comunque da pensare.

I disegni sono molto graziosi, si somigliano molto, come dicevo, a quelli de "Il giocattolo dei bambini", ma stranamente, pur avendo pubblicato questa opera successivamente, ho trovato migliori quelli dell'opera che l'ha resa famosa.

domenica 26 luglio 2020

"Saiyuki Gaiden" di Kazuya Minekura

domenica, luglio 26, 2020 0 Comments
Buongiorno amanti di manga! Dopo mooolti giorni di stress posso finalmente dire di aver finito di studiare - almeno dal punto di vista universitario. Per tal motivo sto dedicandomi nuovamente alle mie amate letture ❤️❤️ Quella di oggi in realtà l'ho già terminata prima del #bloccoletturacausaabilitazione, ed è la continuazione di saiyuki di cui QUI trovate la recensione!


Titolo originale: Saiyuuki Gaiden
Titolo italiano: Saiyuki Gaiden
Nazionalità: Giappone
Casa Editrice: Ichijinsha
Disegni: Kazuya Minekura
Storia: Kazuya Minekura
Categoria: Josei
Anno: 1999 - 2009
Volumi: 4
Stato in patria: completato
Stato in Italia: completato

Continuano le avventure e i combattimenti con il gruppo del principe Kogaiji, con l'ambiguo appoggio del vescovo Hazel da una parte e del sadico Nii-Jieny dall'altra. Sta per tenersi lo scontro decisivo per i sutra, dal cui possesso potrebbe dipendere la resurrezione del signore di tutti demoni. Finalmente la conclusione del magnifico Saiyuki Reload di Kazuya Minekura, magistrale mangaka che ha rivisitato la leggenda dello scimmiotto di pietra e del Viaggio in Occidente, uno dei più grandi e conosciuti classici della letteratura giapponese e internazionale. Al successo di questa serie a fumetti seguirà l'acclamato Saiyuki Gaiden, storie dal mondo delle divinità di cui i protagonisti di Saiyuki sono le incarnazioni terrene. Saggezza, colpi di scena, comicità e profondità di contenuti dispiegheranno i risvolti di un passato lontano cinquecento anni…

♡ 1° Edizione 
Anno: 2010
Editore: Dynit
Volumi: 9
Prezzo: 4,90€
♡ Box
Anno: 2007
Editore: Dynit
Box: 2
Prezzo: 19,60€



Saiyuki Gaiden è il prequel della storia originale, narra delle vicende avvenute nel cielo e di come i nostri eroi abbiano intrecciato le loro vite, di come si siano resi colpevoli della punizione a loro inflitta e del motivo per la quale Kanzeon Bosatsu è così incuriosita da loro.
In questo momento i sentimenti emanano il primo vagito attraverso un corpo che va incontro alla morte.
Pur avendo conosciuto Saiyuki attraverso la prima serie, la curiosità di scoprire questi eventi mi ha sempre fatto arrovellare. E ora, dopo averli letti, posso dire che sono ciò che mi aspettavo. Poesia pura. L'emozione che mi hanno lasciato queste pagine è immensa! Si percepisce un sentimento che trascende - come effettivamente fa - il tempo. E' un sentimento a cui non si può dare un nome. Amicizia, amore romantico, amore fraterno, amore paterno... Non si può definire. Ma è quel tipo di sentimento, talmente intenso da farti rischiare la vita senza pensarci due volte. E talmente naturale che non ha bisogno di essere spiegato, né motivato.
Anche questa notte i ciliegi sono incantevoli, vero?
Fioriscono tutti i giorni allo stesso modo. Il fatto che sembrino più o meno belli forse dipende dallo stato d'animo di chi li osserva.
La cosa che mi ha affascinata è stata proprio questa naturalezza con cui le loro vite si sono intrecciate. Come se fosse una cosa assodata lo stare insieme, come se non si fossero appena conosciuti. E cosa ancora più incredibile è il bisogno - celato tra i modi rudi e strafottenti - di stare insieme, di ricordarsi, anche dopo la morte, come se fosse quella la cosa più importante e non la vita in sé.
Kanren. Ti ricordi...? A essere sincero, non mi interessa un episodio particolare. Purché ti ricordi di me, qualunque aneddoto va bene. 
Altra cosa che ho sempre adorato di questa serie, e che in questo prequel rimane inalterata, è il loro modo di vivere, così diretto, così semplice, così salutare.
Vuoi assaporare la vita anche tu, giusto? Se hai fame, mangia. Se senti male, grida. Se è troppo doloroso , urla pure. Perché questo significa assaporare la vita!
Spendo due parole sempre per l'eccellente edizione delle Dynit, racchiusa in un box dai toni tenui e immacolati come quelli che sono facilmente associabili al candore degli dei (niente di più lontano per i nostri protagonisti! ahahaha). Le pagine a colori sono sempre bellissime e particolari, e la qualità è eccezionale rapportata al prezzo. Consigliatissimo!!!

mercoledì 17 giugno 2020

"Saiyuki" di Kazuya Minekura

mercoledì, giugno 17, 2020 1 Comments
Buongiorno amanti di manga! Avendo ripreso a studiare ho dovuto allentare un po' la scrittura sul blog, ahimè! Ma oggi torno con un nuovo meraviglioso manga!!! Il manga di cui vi parlo è un'opera particolare, conosciuta attraverso l'Anime Night di MTV. Fino a qualche giorno fa mi ero dimenticata quanto mi piacesse! Ma riscoprendone i manga (quattro serie fino ad ora pubblicate), ho subito recuperato: acquistandoli e buttandomi in una lettura sfrenata!!!


Titolo originale: Saiyuuki
Titolo italiano: Saiyuki
Nazionalità: Giappone
Casa Editrice: Ichijinsha
Disegni: Kazuya Minekura
Storia: Kazuya Minekura
Categoria: Shounen
Anno: 1997 - 2002
Volumi: 9
Stato in patria: completato
Stato in Italia: completato

Ispirato a Viaggio in Occidente, noto anche come Viaggio verso Ovest, classico della letteratura cinese firmato da Wu Cheng'En, Saiyuki prende le mosse dalla leggenda dello scimmiotto, qui nelle vesti di un bizzarro ragazzino perennemente affamato, sotto le cui spoglie umane si cela un demone dalla forza spaventosa: Goku. Per qualche ragione, il bonzo Genjo Sanzo, dalla pistola facile, lo ha liberato dai sigilli che lo imprigionavano sulla cima di una montagna, e adesso i due sono in viaggio insieme al gentile Cho Hakkai e al donnaiolo Sha Gojyo, entrambi dal sangue demoniaco. Perché? Perché un tempo, in quella terra chiamata Togenkyo, regnava la pace. La razza umana e quella demoniaca convivevano in armonia, finché qualcosa è accaduto a turbare ogni equilibrio. I demoni stanno impazzendo uno dopo l'altro e vanno a caccia di vite umane di cui nutrirsi. Dietro il disastro si celano Gyokumen Koshu e Ni Jen'i, che intendono risvegliare dal suo sonno il Gyumao, signore di tutti i demoni. Dalla loro parte sono schierati anche Il principe Kogaiji, sua sorella Lirin e la bella Yaone, oltre al fratello dello stesso Sha Gojyo. Cosa si potrebbe mai ricavare da uno scontro fratricida? Quali sono i veri sentimenti di Kogaiji? Gyokumen Koshu intende servirsi di tutti loro per i suoi scopi; soprattutto della giovane Lirin, che va incontro a un destino tutt'altro che luminoso…

♡ 1° Edizione 
Anno: 2004
Editore: Dynit
Volumi: 9
Prezzo: 4,90€
♡ Box
Anno: 2007
Editore: Dynit
Box: 2
Prezzo: 19,60€



Gensomaden Saiyuki è la prima "serie" di questa meravigliosa opera uscita dalla penna di Kazuya Minekura, ma ispirata ad una delle storie più celebri della letteratura cinese classica, ovvero la storia di Son Goku (in giapponese) l'affascinante re delle scimmie, protagonista de "Il viaggio in occidente" (appunto Saiyuki in giapponese). Sono sicura che tutti conosciate il nome di questo particolare soggetto, descritto come un ragazzino dalla natura impulsiva, con fattezze di scimmia, capace di combattere con un bastone allungabile. È stato usato per una moltitudine di opere, tra le quali annoveriamo sicuramente una delle più famose, Dragon Ball. Ma mentre in DB il personaggio di Son Goku viene usato più come citazione che come base della storia, in Saiyuki, invece, si ha una interpretazione della leggenda originale.
Il romanzo del 1590 racconta, in versione mitizzata, di un monaco buddhista, Sanzo, che "addomesticato" il guerriero dall'aspetto di scimmia, nato dalla roccia, si fa accompagnare da lui e da altri due discepoli in un viaggio verso Ovest, al fine di recuperare i testi sacri buddhisti. Gli altri due personaggi sono un maiale e un demone fluviale (simile al kappa giapponese). Nel manga ritroviamo gli stessi soggetti: Sanzo, Goku, Cho Hakkai, Sha Gojo, e lo stesso scopo del viaggio, recuperare i sutra del mondo celeste; ma in questa versione c'è qualcosa che accomuna le vite di queste persone (passatemi il termine), ed è il legame instauratosi nella loro vita precedente come dei del mondo celeste, di cui però non hanno alcun ricordo. Ma di questa storia parlerò nel prossimo post, poiché narrata in Saiyuki Gaiden, prequel di Saiyuki.
La vita stessa, dal principio fino alla morte, è un disperato e inutile tentativo di resistenza.
Saiyuki è un manga estremamente particolare, fatto prevalentemente di combattimenti, ma accompagnato da una moltitudine di sentimenti che ti lasciano stremato. I sentimenti non sono espressi in maniera espansiva, ma si colgono nei gesti, a volte anche violenti, dei protagonisti, i quali sembrano non conoscere altro che violenza. Ma pur avendo un modo così bizzarro di affacciarsi al mondo, non riesco che ad ammirarli. Vivono e muoiono con una intensità straordinaria.
Le storia viaggia frenetica tra un combattimento e l'altro, tra un nemico e quello successivo, ma nelle scene in cui prevale più l'emotività dei personaggi che la loro figura atletica, la corsa sembra rallentare lasciandoti assaporare, nei lunghi silenzi di queste tavole, l'intensità di un sentimento che non ha bisogno di essere espresso a parole.
Infatti ciò che rende libera ogni creatura è avere un luogo in cui fare ritorno, non credi? 
Le citazioni, seppur enigmatiche sono meravigliose, così come i disegni. Affusolati, allungati, a volte dai tratti molto, troppo marcati, ma con un'espressività tanto anomala quanto meravigliosa. Nei combattimenti ci si perde un po' nel seguire i movimenti precisi, ma da una sensazione di confusione che ben si sposa col loro modo di agire, ti da l'impressione che nemmeno qualcuno dentro la tavola potrebbe seguire i loro movimenti con maggiore attenzione.

Un altro punto a favore è l'edizione. I tankobon sono di circa 21 cm, all'incirca la stessa dimensione dell'edizione BIG di "Kodomo no Omocha" [QUI la recensione], e come quest'ultima presentano delle pagine a colori estremamente belle, ma a differenza de "Il giocattolo dei bambini" le pagine sono lucide dando così la sensazione di una maggior cura dei dettagli (seppur le pagine lucide mi diano fastidio al tocco). Inoltre, cosa che mi da sempre una grande soddisfazione, l'apertura - come per le edizioni Flashbook - è semplice e priva di sforzo.
Per dei volumi così piacevoli all'occhio e al tocco, il prezzo è incredibilmente economico, solo 4,90€! Anche se, personalmente ho preferito prendere i box, che sono abbastanza semplici, ma che hanno graficamente l'aspetto di manoscritti antichi.
Un'opera davvero meravigliosa. Dentro e fuori.

sabato 23 maggio 2020

"Dawn of the Arcana" di Rei Toma

sabato, maggio 23, 2020 0 Comments
Buongiorno amanti di manga! Nuovo post, nuova recensione. Questa volta ho ripreso un manga che avevo parzialmente letto (anche questo conosciuto per scan online xD), ma di cui mi mancavano dei numeri che ho recuperato più o meno recentemente!


Titolo originale: Reimei no Arcana
Titolo italiano: Dawn of the Arcana
Nazionalità: Giappone
Casa Editrice: Shogakukan
Disegni: Rei Toma
Storia: Rei Toma
Categoria: Shoujo
Anno: 2009
Volumi: 13
Stato in patria: completato
Stato in Italia: completato

Senan e Belquat sono due regni confinanti, che si dividono, a nord l’uno e a sud l’altro, una piccola isola. I rapporti fra i due paesi sono apertamente ostili, e sanguinose battaglie han continuato a tingere di rosso il suolo dell’isola in una carneficina che si trascina ormai da due secoli. Ma, forse, questa barbarie sta per volgere al termine: onde provare a instaurare finalmente un rapporto di pace e di coesione fra i due regni, Nakaba, principessa del regno di Senan, accetta di diventare la sposa di Caesar, principe di Besquiat, e si trasferisce, accompagnata solo dal fido Loki, servitore nonché amico da una vita, presso la corte nemica. Sfortunatamente una pace di facciata, pur se suggellata da membri stessi delle casate reali opposte, non può cancellare secoli di acredine, disprezzo e intolleranza. Nakaba, nella tana del lupo, è costretta così a sopportare tanto l’ostilità del popolo di Besquiat quanto l’atteggiamento sprezzante ed esasperante del marito. Ma la nostra protagonista è tutt’altro che un piccolo fiorellino indifeso: ragazza forte e determinata, nonché pronta a tirar fuori gli artigli qualora le circostanze lo richiedessero, Nakaba ha dalla sua anche il dono della preveggenza. E quando una visione le mostra la sorte del suo sposo, ragione e sentimento, senso del dovere e sete di rivalsa cominciano a scontrarsi in lei…
♡ 1° Edizione 
Anno: 2012
Editore: Flashbook Edizioni
Volumi: 13
Prezzo: 5,90€

Dawn of the Arcana è classificato come shojo, ma sinceramente trovo che sia troppo riduttivo per questa opera. È decisamente molto di più.
In un mondo popolato da umani e da umanoidi, in cui al governo vige la monarchia e le persone che ne fanno parte hanno solo capelli neri, le sorti di una principessa dai capelli rossi sono incerte quanto la pace appena instaurata tra i due regni, Senan e Belquat. Pace ottenuta per mezzo di un matrimonio combinato tra la principessa Nakaba e il principe Caesar, secondogenito del re che diede l'ordine di massacrare un intero villaggio possessore dell'Arcana del Tempo, un potere antico capace di trascendere nel tempo. Sfortunatamente non tutti gli abitanti del villaggio furono uccisi. Da qui, più o meno, comincia la nostra storia, fatta di intrighi, di pregiudizi e sentimenti. Ci sono tantissimi sentimenti in questa opera. Tristezza, paura, solitudine, amore, lealtà, invidia. Per ogni personaggio, grazie al potere della protagonista, conosci le motivazioni che l'hanno portato ad agire in quella determinata maniera, e in un modo o nell'altro non riesci ad odiare nemmeno i nemici, avendo la possibilità di conoscere le emozioni che li hanno spinti. La trama è un intreccio di vite, tra passato e futuro. La vastità degli eventi è tale che riassumere la storia in poche righe sarebbe davvero impossibile. Inoltre, i colpi di scena - che sono fino all'ultima pagine - vi terranno incollati!

I disegni sono davvero meravigliosi, hanno un tratto particolare, non convenzionale agli shojo tutti tondi. I ragazzi sono tutti bellissimi, e gli umanoidi hanno tratti tali da poter distinguere l'animale da cui "derivano". I vestiti e gli ambienti sono curati nei minimi dettagli. E una cosa che ho particolarmente apprezzato è l'evoluzione della pettinatura di Nakaba, cosa che sembrerà sciocca, ma da la sensazione non solo del tempo che passa (dato che le allungano i capelli), ma da anche la sensazione del cambiamento e della crescita personale della protagonista. Tra tutte le pettinature quella che ho maggiormente apprezzato è quella a caschetto dei volumi 10 e 11. ❤️❤️

I personaggi, come detto, sono visti a 360 gradi e questo da modo di avere una lettura completa; cosa particolare è che la visione completa l'ha anche la protagonista dato che è grazie a lei che conosciamo tutte le vicende. Nakaba è un personaggio forte, inizialmente apatico alla vita si lascia catturare dai sentimenti contrastanti per il principe Caesar, e questo la porterà a cambiare molto la sua visione della vita. C'è una scena molto bella in cui Caeser le dice: "Qualche temo fa mi hai detto che Belquat era solo un posto diverso dove morire. La pensi ancora così?". E Nakaba risponde: "No. È un posto diverso dove vivere.". ADORABILE. ❤️❤️ D'altro canto anche Caesar subirà un repentino cambiamento. È inizialmente arrogante, cresciuto con i pregiudizi della madre, tende a far sentire la moglie un oggetto, ma già dal secondo volume è visibile il cambiamento: pur mantenendo un atteggiamento arrogante e altezzoso si sforza in tutto e per tutto a renderla felice. L'ho trovato molto tenero. ❤️ Tra le loro scene ho trovato poco realistico solo quando Caesar scopre che la moglie possiede l'Arcana del tempo e non batte completamente ciglio. Un po' improbabile! Ma vabé! Il personaggio di Loki, invece, è quello che più mi ha dato da pensare, ma è anche quello che ha scosso maggiormente i miei sentimenti. Dall'aspetto calmo e dimesso, cela in sé sentimenti contrastanti e segreti dolorosi.

Infine, voglio spendere due parole per l'edizione! Una delle cose che preferisco delle Edizioni Flashbook è la facilità di apertura del volume. È un piacere aprirlo! Non devi contrarre tutti i muscoli della mano per riuscire a mantenere la presa sulle pagine per poter leggere quella piccola e bastardissima frase posizionata più internamente. No, ti si apre tra le mani, manco avessi detto "apriti sesamo". Ti da la sensazione di morbidezza e leggiadria. Lo adoro.


venerdì 22 maggio 2020

5 COSE CHE...#18: 5 personaggi dei libri a cui chiederei aiuto in caso di bisogno ♡

venerdì, maggio 22, 2020 10 Comments

Buongiorno readers :) Diciottesima partecipazione all'iniziativa del blog Twins Book Lovers. Come al solito, spiego brevemente in cosa consiste questa iniziativa: si tratta di una rubrica settimanale, che si svolge il venerdì, e che consiste nell'inserire "5 cose che..." di un tema ben prestabilito! Il tema scelto questa settimana è: 5 personaggi dei libri a cui chiederei aiuto in caso di bisogno.
Anche questa volta molto difficile scegliere!!! Ci sono miliardi di personaggi meravigliosi... Ma ecco quelli che mi sono balenati più velocemente in mente!


Magnus Bane
di Shadowhunters
Aveva imparato quella lezione molto tempo prima: anche nella confusione di un dolore insopportabile, c'era sempre spazio per una risata.
Impossibile per me non citare Magnus Bane! Se dovessi scegliere un unico personaggio della saga sceglierei lui! E' quel tipo di persona che magari si lamenta di doverti aiutare, ma che in realtà ha un grandissimo cuore e farebbe di tutto per risolvere i tuoi problemi! Anche se ti conosce da cinque minuti. Ha inoltre un gusto straordinario, non lo dimentichiamo! xD




Sherlock Holmes
di Sherlock Holmes
Se escludiamo l'impossibile, ciò che resta del quanto probabile è pur sempre possibile.
Beh, se hai un problema chiedere l'aiuto del più famoso investigatore è sicuramente una scelta arguta. Ma mai quanto lui. Quindi, siediti e aspetta che ti risolva i problemi!



Hermione Granger
di Harry Potter
Io? Furbizia e tanti libri. Ci sono cose più importanti: amicizia... e coraggio.
Tornando sul fantasy un'altro mago a cui chiederei aiuto è lei: la nostra beneamata Hermione! Niente maghi potenti e misteriosi come Silente, noi vogliamo qualcuno che risolva i nostri dubbi alla svelta e senza tante cerimonie, per cui lei è perfetta! Va dritta al solo e sa trovare sempre una soluzione! Non si potrebbe che volerla tra gli amici, no? E poi è adorabile.



Spencer Hastings
di Giovani, Carine e Bugiarde
Chi di speranza vive, disperato muore.
Altra sotuttoio. Spencer Hastings, una delle adorate bugiarde degli ultimi anni! E' una delle mie liars preferite. Cocciuta, un pochetto prepotente, desiderosa di primeggiare, ma un'infallibile e leale amica. L'amicizia è sicuramente un punto forte della saga... queste ragazze rischiano la vita frequentemente pur di aiutarsi, quindi quale scelta migliore per chiedere aiuto?





Alice Allevi
di L'Allieva

Sono infantile ai miei stessi occhi eppure questa mia imperfezione riesco a perdonarmela. Sono quel che sono. Ho limiti e contraddizioni, esattamente come tutti, anche se a volte ho la sensazione di pagare un pezzo più alto degli altri.
Chi mi conosce sa che nutro un amore spassionato per questa "ragazza"! E' una pasticciona, si mette in mezzo ai casini, come dice la mia migliore amica è un po' farfallina, ma è adorabilissima!!! E poi mi fa morire dalle risate. Magari potrebbe non essere "all'altezza del compito", ma io di certo le chiederei aiuto, perché avrei la certezza che si farebbe in quattro per darmelo!
Ps. sul blog trovate tutte le recensioni della saga e della prima stagione della serie QUI.


See you later,  😘😘

sabato 16 maggio 2020

"Fiore di Luna" di Wataru Hibiki

sabato, maggio 16, 2020 0 Comments
Buonasera amanti di manga! Avrei dovuto postare la recensione dell'altra opera di Maki Enjouji,  di cui ho letto "Hapi Mari" (QUI la recensione), ma dopo aver letto questa piccola perla non ho potuto non condividere con voi la recensione! Avevo letto - anche questa volta - le scan su dcteam, e mi ero innamorata di questa storia da Mille e una notte, quindi quando venne annunciata ero entusiasta! Ma come al solito dovetti aspettare anni per la pubblicazione. -.-'' Passò così tanto tempo che me ne dimenticai e trovai, per caso, il box alla Mondadori!!! Quando si dice il destino


Titolo originale: Hanatsukihime
Titolo italiano: Fiore di Luna
Nazionalità: Giappone
Casa Editrice: Hakusensha
Disegni: Wataru Hibiki
Storia: Wataru Hibiki
Categoria: Shojo
Anno: 2007
Volumi: 2
Stato in patria: completato
Stato in Italia: completato

Lys, una ballerina, deve la sua vita a un demone che le ha ceduto il proprio cuore fino a quando la ragazza non compirà sedici anni.  Le persone che la accompagnano lungo il suo viaggio sono un genio rinchiuso nell'anello di un principe capriccioso e Siva, incontrato nel deserto una notte e da allora mai separatosi da lei. Quale direzione prendere per trovare il demone che le ha salvato la vita? La storia da Mille e una Notte di una ballerina e un demone!

♡ 1° Edizione 
Anno: 2015
Editore: JPOP
Volumi: 2
Prezzo: 5,00€
♡ Box
Anno: 2015
Editore: JPOP
Volumi: 1
Prezzo: 10,00€



Hanatsukihime è un piccolo capolavoro di dolcezza. Narra la storia di una danzatrice itinerante molto particolare, una Hanatsuki, ovvero una persona con in corpo il cuore di un demone. Quando Lys, la protagonista, nacque non respirava, allora la madre fece un patto con un demone affinché le donasse il suo cuore. Il demone accettò, ma le disse che in cambio, all'età di sedici anni, si sarebbe ripreso il cuore e avrebbe divorato il corpo della ragazza. Fino all'età di quattro anni visse segregata in una torre, finché un giorno, liberata dall'oscurità, incontrò Siva, che si prese cura di lei. Adesso, ad un anno dal venire divorata dal possessore del cuore, sta viaggiando in lungo e in largo per poter incontrare il demone e chiedergli una proroga. Lys non sa che quanto questo sia impossibile, né che il suo demone è più vicino di quanto pensi.

Il primo volume è un'introduzione ai personaggi, principalmente ti presenta Lys, il suo compagno di viaggi, Siva, il principe Russet e il piccolo genio Thor. Ciò che immediatamente ti cattura è il disegno. L'elaborazione dei vestiti è strepitosa, quasi vedi i colori dei suoi abiti - che sono sempre diversi, e questo è un piacere per gli occhi dei maniaci dei particolari - e quando balla senti il tintinnio dei suoi bracciali. Leggendo percepisci la sensazione della sabbia e il caldo afoso, il tutto incorniciato da uno stile delicato e a tratti sensuale.

È però il secondo volume quello che mi fa capitolare ogni volta che lo leggo. Nel secondo volume leggiamo di ciò che ha provato Siva, vediamo la tenerezza di una bambina lasciata nell'oscurità, della sensazione di solitudine, si percepisce la dolcezza ed è così intensa da commuovere.  Mentre Lys è bambina si coglie tutta la tenerezza dell''innocenza, ed è strepitoso.

Inoltre, ciò che mi è piaciuto moltissimo è che Lys è una forza della natura, ottimista contro ogni avversità, ed è invece Siva quello più "fragile". Consiglio vivamente questo manga: in pochissime tavole ci si immerge in una storia tanto magica quanto delicata.