❛❛Colleziono libri allo stesso modo in cui le mie amiche comprano borse firmate.
A volte mi basta sapere di averli e non mi pongo il problema se riuscirò a leggerli.
Non che alla fine non li legga tutti , a uno a uno. Lo faccio.
Ma il solo gesto di comprarli mi rende felice.
È difficile da spiegare, ma io mi sento, in un certo senso, più ottimista.
[J. Kaufman e K. Mack]

giovedì 19 aprile 2018

La Selezione a confronto: trilogia e dilogia di Kiera Cass

Questa volta voglio fare un qualcosa di particolare.
Ho letto due anni fa, circa, la trilogia di Kiera Cass, e ho appena terminato la dilogia; non avendo fatto ai tempi la recensione dei vari libri, perché divorati uno dopo l'altro, ho pensato di creare un unico post in cui recensire i libri (ma non vi aspettate che io riesca a ricordare cosa è avvenuto dove! xD) e metterli a confronto con la dilogia.



Iniziamo, ovviamente, con la trilogia:


The Selection
Kiera Cass
Listino: € 17,90
Copertina: Rilegato 
Editore: Sperling & Kupfer
Collana: Pandora
Pagine: 298
Lingua: Italiano 
EAN: 9788820053987 
Data di uscita: 12/03/2013
Genere: romanzo distopico

Trama: Molti anni dopo la Quarta guerra mondiale, in un Paese lontano, devastato dalla miseria e dalla fame, l'erede al trono sceglie la propria moglie con un reality show. Spettacolare. Così, per trentacinque ragazze la Selezione diventa l'occasione di tutta una vita. L'opportunità di sfuggire a un destino di fatica e povertà. Di conquistare il cuore del bellissimo principe Maxon, e di sognare un futuro migliore. Un futuro di feste, gioielli e abiti scintillanti. Ma per America Singer è un incubo. A sedici anni, l'ultima cosa che vorrebbe è lasciare la casa in cui è cresciuta per essere rinchiusa tra le mura di un palazzo che non conosce ed entrare a far parte di una gara crudele. In nome di una corona - e di un uomo - che non desidera. Niente e nessuno, infatti, potrà strapparle dal cuore il ragazzo che ama in gran segreto: il coraggioso e irrequieto Aspen, l'amico di sempre, che vorrebbe sposare più di ogni altra cosa al mondo. Poi, però, America incontra il principe Maxon, e la situazione si complica. Perché Maxon è tutto ciò che Aspen non sarà mai: affascinante, gentile, premuroso e immensamente ricco. E può regalarle un'esistenza che lei non ha mai nemmeno osato immaginare...

•.¸¸.•´¯`•.♥.•´¯`•.¸¸.•.


The Elite
Kiera Cass
Listino: € 17,90
Copertina: Rilegato 
Editore: Sperling & Kupfer
Collana: Pandora
Pagine: 299
Lingua: Italiano 
EAN: 9788820055486 
Data di uscita: 28/01/2014
Genere: romanzo distopico

Trama: Trentacinque ragazze. Così era cominciata la Selezione. Un reality show che, per molte, rappresentava l'unica possibilità di trovare finalmente la via di uscita da un'esistenza di miseria. L'occasione di una vita. L'opportunità di sposare il principe Maxon e conquistare la corona. Ma ora, dopo le prime, durissime prove, a Palazzo sono rimaste soltanto sei aspiranti: l'Elite. America Singer è la favorita, eppure non è felice. Il suo cuore, infatti, è diviso tra l'amore per il regale e bellissimo Maxon e quello per il suo amico di sempre, Aspen, semplice guardia a Palazzo. E più America si avvicina al traguardo più è confusa. Maxon le sa regalare momenti di pura magia e romanticismo che la lasciano senza fiato. Con lui, America potrebbe vivere la favola che ha sempre desiderato. Ma è davvero ciò che vuole? Perché allora ogni volta che rivede Aspen si sente trascinare dalla nostalgia per la vita che avevano sognato insieme? America ha un disperato bisogno di tempo per riflettere. Mentre lei è tormentata dai dubbi, il resto dell'Elite però sa esattamente ciò che vuole e America rischia così di vedersi scivolare via dalle dita la possibilità di scegliere... Perché nel frattempo la Selezione continua, più feroce e spietata che mai.

•.¸¸.•´¯`•.♥.•´¯`•.¸¸.•.


The One
Kiera Cass
Listino: € 17,90
Copertina: Rilegato 
Editore: Sperling & Kupfer
Collana: Pandora
Pagine: 316
Lingua: Italiano 
EAN: 9788820057299 
Data di uscita: 09/09/2014
Genere: romanzo distopico

Trama: La Selezione che ha cambiato per sempre la vita di trentacinque ragazze sta per concludersi. E l'emozione e la confusione del primo giorno, quando America Singer ha percorso la scalinata del Palazzo, sono ormai solo un ricordo. Di certo America non avrebbe mai immaginato di arrivare così vicino alla corona, o al cuore del principe Maxon. Eppure per lei non è stato facile. Divisa tra i suoi sentimenti per Aspen, guardia a Palazzo e suo primo amore, e la crescente attrazione per Maxon, ha dovuto lottare con tutta se stessa per essere dov'è ora. A un passo dalla fine della Selezione, America però non può più permettersi incertezze. Deve scegliere. Prima che qualcuno lo faccia per lei.


•.¸¸.•´¯`•.♥.•´¯`•.¸¸.•.

Recensione

La scrittura di Kiera Cass è molto fluida, è un piacere leggere e si scorrono le pagine senza nemmeno accorgersene. Immediatamente ci si ritrova catapultati all'interno di questa nuova nazione, Illèa, in cui vigono regole molto rigorose e classi sociali ben definite: le caste. Ogni casta ha la propria attività lavorativa e non si può fare altro se non quello che la casta ti obbliga a fare. La protagonista, America, è una cinque, e la sua casta si occupa di arte: canto, musica, arte, scultura. Al di sotto ci sono i "servi" e sotto ancora le caste più povere, fino alla casta degli otto che sono gli esclusi della società. La Famiglia Reale fa ovviamente parte della casta uno, e il principe Maxon, unico erede al trono, è in età da "moglie", per cui, come di tradizione viene indetta una selezione: ogni ragazza del regno potrà mandare la sua candidatura e sperare di essere scelta tra le 35 fortunate che saranno invitate a Palazzo per corteggiare il Principe. Sì, sono assolutamente d'accordo con voi! Ci sono un sacco di de-javu: si potrebbe pensare ad "Hunger Games" per il discorso delle caste, a "Cenerentola" per il discorso del principe che cerca moglie; ma vi assicuro che la storia merita tantiiissimo. Comincerete a leggere il primo libro e subito dopo vi ritroverete a versare lacrime sfogliando le ultime pagine di "The One". Ci si affeziona a questi personaggi, si fanno volere bene, e anche se a volte ti verrebbe voglia di urlargli contro che stanno facendo una stupidata, si fanno sempre perdonare! Personalmente ho adorato il personaggio di Maxon: se pensate al Principe Azzurro, è lui. E' gentile, garbato, intelligente, rispettoso, ti vizia e ti coccola, è audace, spiritoso e si mette in gioco. L'ho già detto che è proprio il Principe Azzurro?! Inoltre, appartiene anche a quella categoria che a noi ragazze piace tanto: il ragazzo problematico. Detto questo vi sarà impossibile non amarlo! 💙💙
Dall'altro lato c'è Aspen, il primo amore di America. A me, non è mai piaciuto molto! Sì, mi ha fatto tenerezza, e la sua scelta di lasciarla andare è stata veramente coraggiosa, ma poi non mi è piaciuto molto: c'è una scena di preciso in cui America gli chiede se pensava che lei potesse diventare regina, e lui le dice di no. Ho trovato questa scena particolarmente significativa nel mio schieramento verso Maxon, lui l'ha sempre trovata all'altezza di fare qualsiasi cosa. Ed è una cosa che trovo importante in un rapporto: la fiducia nelle potenzialità. Certo, se poi queste non ci sono, dire che le hai non è certo una cosa carina; ma in questo caso America ha tutte le carte in tavola per diventare un'ottima regina, ma Aspen non le ha viste. Ahi, ahi.
Parlando di America, è un soggetto particolare, mi piace, anche se non sono sempre stata d'accordo con lei; è stata un bel personaggio femminile! E' dolce e compassionevole, sincera (sempre tranne nell'ultimo libro), spiritosa, intraprendente, coraggiosa, e questa è una delle qualità che ho apprezzato di più. Si mette nel bel mezzo del "conflitto", si schiera dalla parte che crede essere nella ragione, senza pensare ai pericoli. Sì, non è una di quei personaggi femminili che si imbattono in cataclismi e cercano di salvare il mondo, ma nel suo piccolo, nel voler salvare una nazione, non dalla morte, dalla malattia, o da chissà quale altra cosa estrema, ma da un governo "corrotto" e "marcio" che non governa più per il proprio popolo, ma per il potere, è stata grandiosa. Tutto questo l'ho trovato attuale e molto bello. Il modo in cui crea l'alleanza con gli Italiani sotto i baffi del Re, con la gentilezza e la simpatia, senza sotterfugi o furbizia, ma con la semplicità... l'ho molto gradito. E' un modo per ricordare che si possono ottenere grandi cose con la cortesia. 💛💛
Per quanto riguarda gli altri personaggi ho detestato tantissimo Celeste, l'avrei presa a schiaffi in più occasione! E sono rimasta stupita nell'essermi ritrovata alla fine del libro ad adorarla con medesima intensità! Il rapporto che si viene a creare alla fine con le ragazze è così bello e così intenso che mi ha commossa profondamente. Ritrovarle lì, così unite e così complici quando hanno cercato di "ammazzarsi" a vicenda è stato quasi esilarante. Non si può dire che alla fine, la loro amicizia non fosse completamente sincera: dopo essersi viste a vicenda la parte peggiore, non c'era altro da scoprire che quella più gradevole!
Il personaggio che vince il premio "Stronzo dell'anno" è ovviamente lui: il Re, nonché padre di Maxon. Poco da aggiungere su di lui, l'ho sempre detestato, e leggendo la dilogia ho confermato lo schifo che pensavo di lui! Mentre il premio "Viscido verme" lo vince il fratello di America. Non l'avrei voluto nemmeno regalato uno così: ha rinnegato la famiglia cercandola solo nel momento in cui la sorella diviene qualcuno, e non ha rispetto alcuno per le persone! Orrido.
In realtà ci sarebbe di parlare per ore dei vari personaggi, perché sono articolati così bene che ti sembra di averli conosciuti sul serio. Inoltre la pubblicazione degli extra è stata una marcia in più: con quei disegni meravigliosi e le storie inedite, mi sono sentita ancor più parte di questa splendida storia!


•.¸¸.•´¯`•.♥.•´¯`•.¸¸.•.

Ma passiamo ora alla dilogia:


The Heir
Kiera Cass
Listino: € 17,90
Copertina: Rilegato 
Editore: Sperling & Kupfer
Collana: Pandora
Pagine: 339
Lingua: Italiano 
EAN: 9788820058456 
Data di uscita: 05/05/2015
Genere: romanzo distopico

Trama: Nel regno di llléa è cominciata una nuova era. E una nuova competizione. A vent'anni di distanza dall'inizio dell'amore tra America Singer e il principe Maxon, infatti, è la loro primogenita, Eadlyn, a doversi confrontare con i trentacinque pretendenti arrivati a Palazzo per conquistarla. Ora, anche per lei, è giunto il momento della scelta più difficile. La sua unica speranza è che alla fine, in qualche modo, dovere e amore vengano a coincidere. Il tempo stringe, ma il cuore ha sempre un modo tutto suo di sorprenderci...

•.¸¸.•´¯`•.♥.•´¯`•.¸¸.•.


The One
Kiera Cass
Listino: € 17,90
Copertina: Rilegato 
Editore: Sperling & Kupfer
Collana: Pandora
Pagine: 292
Lingua: Italiano 
EAN: 9788820060374 
Data di uscita: 10/05/2016
Genere: romanzo distopico

Trama: La Selezione che ha cambiato per sempre la vita di trentacinque ragazze sta per concludersi. E l'emozione e la confusione del primo giorno, quando America Singer ha percorso la scalinata del Palazzo, sono ormai solo un ricordo. Di certo America non avrebbe mai immaginato di arrivare così vicino alla corona, o al cuore del principe Maxon. Eppure per lei non è stato facile. Divisa tra i suoi sentimenti per Aspen, guardia a Palazzo e suo primo amore, e la crescente attrazione per Maxon, ha dovuto lottare con tutta se stessa per essere dov'è ora. A un passo dalla fine della Selezione, America però non può più permettersi incertezze. Deve scegliere. Prima che qualcuno lo faccia per lei.


•.¸¸.•´¯`•.♥.•´¯`•.¸¸.•.

Recensione 

Se devo essere sincera Eadlyn non mi è piaciuta subito. Scontrosa e viziata, ecco cosa ho pensato all'inizio. Mi sono chiesta se non fosse perché nata nella bambagia, ma poi ho ricordato Maxon, e lui era gentile e adorabile. Non era per nulla viziato e non guardava alla corona come ad un lavoro, ci metteva il cuore in tutto ciò che faceva. Ma ovviamente ogni testa è tribunale e non siamo tutti uguali. Dunque ho cercato di capirla di più e nell'osservarla con più attenzione ho visto quanto fosse ossessionata dall'incertezza di non essere all'altezza del suo ruolo. Continua a parlarne amaramente e vorrebbe disfarsene in cuor suo. Non è amata dal popolo e teme che non sia solo perché è la prima regina di Illéa, teme che sia per colpa sua, in quanto persona, non in quanto donna. E di fatto è così. Ha creato un muro, ha dedicato così tanto tempo a diventare regina che si è dimenticata di essere ragazza. Per cercare di "risolvere" questo problema, e i disordini che si sono creati in questi anni dopo l'abolizione delle caste, America e Maxon decidono di ritornare alle origini, fare una selezione per scegliere il consorte dell'erede al trono.
All'inizio questa scelta mi ha irritata, il dover per forza trovarle un marito, come se da sola non potesse fare abbastanza, come se fosse necessario essere moglie e madre per poter essere una buona regina... Mi sembrava così retrogrado! Ma poi ho capito che probabilmente i suoi avevano visto quelle mura, tanto alte da non poter essere distrutte da un solo ragazzo, e avevano capito che per amare il proprio popolo, e farsi amare da lui, doveva cominciare a mettersi in gioco, ad apprezzare la compagnia della gente, e meritare fiducia, dando fiducia, accantonando i pregiudizi e l'egoismo. Essere sé stessa.
E così inizia questa strana quanto divertente e turbolente selezione.
E' stato interessante vedere tutti questi ragazzi alle prese con il corteggiamento. Kiera Cass ha espresso ogni sfaccettatura dell'uomo: si è sbizzarrita nel creare tanti di quei personaggi maschili e tutti con personalità differenti.
Una particolarità della dilogia è stata quella di dare tanto spazio a più personaggi maschili in maniera tale che tutti potessero essere dei papabili pretendenti, e infatti fino alla fine ci si chiede chi possa essere il ragazzo che ha fatto breccia sul suo cuore. Personalmente mi ero fatta un'idea, che alla fine si è rivelata giusta.

(Probabili spoiler! Se non si vogliono conoscere troppi dettagli, non continuare a leggere!)
Ero certa che non potesse essere Kile, era veramente troppo scontato, e la difficoltà di linguaggio con Henri rendeva poco plausibile la scelta, per cui non rimaneva che lui, l'unico ad essere rimasto all'ombra presentandosi solo nei momenti del bisogno. Voleva non essere prevedibile, ma un pochino lo è stato.
Questo non cambia il fatto che gli ultimi capitoli mi abbiano fatto piangere fiumi e fiumi di lacrime. L'odiata e insopportabile ragazza che non riusciva ad amare nessuno all'infuori di sé stessa e dei familiari, è diventa una splendida donna capace di amare il prossimo, di sacrificarsi per il prossimo: per un amico d'infanzia e per il suo futuro, per i genitori e per loro la serenità, per il proprio popolo. Sì, la Cass ha questa incantevole capacità di ribaltare gli animi e farti amare con estrema intensità chi fino a poco prima detestavi e viceversa! Come Josie, ragazzetta rompipalle che diventa un'adorabile spalla su cui contare, o Madrid che un po' puzzava con tutta quella gentilezza e poi si è scoperto essere il meschino che sospettavo!
Di certo, però, la scelta finale di Eadlyn non l'ho sospettata, "quella" è stata un vero e proprio colpo di scena! Straordinario davvero.
All'inizio del primo libro mi ero un po' spaventata, leggevo e non riconoscevo lo stile della Cass, ero turbata. Tra l'altro non sopportavo la protagonista, e gli stessi America e Maxon mi sembravano così cresciuti da non riconoscerli quasi! Ma poi mi sono ricreduta, alla fine, è vero, ma quelle poche pagine sono state molto emozionanti e hanno compensato due libri un po' flosci e irritanti. Anche la "scoperta"di Ean e Hale è stata geniale, non me l'aspettavo di certo e quindi è stata un'inaspettata e lieta sorpresa! Ho avuto dei sentimenti contrastanti, invece, verso Ahren: da un lato stimavo il fatto che avesse abbandonato la famiglia per amore, dall'altro lo detestavo per aver fatto venire un infarto alla madre e aver scritto quella lettera tristissima alla sorella; e sì, ancora ora non so se l'ho perdonato di avermi fatto piangere alla fine del primo libro!!

In linea generale posso dire che la trilogia è sicuramente la storia che più mi è piaciuta, mi ci sono sentita più a mio agio, è stata scorrevole e avvincente; l'ho divorata! Gli stessi personaggi mi incitavano a proseguire: tranne quelli citati tutti gli altri personaggi mi piacevano ed era un piacere seguire la storia di America e Maxon. La dilogia ho faticato a leggera, Eadlyn non facilitava il percorso, e nemmeno i personaggi maschili mi hanno affascinata molto, fino alla fine mi andava bene chiunque per lei, non ho avuto preferenze; ed è una cosa strana per me, che mi affeziono sempre a qualcuno, per cui non averlo fatto mi ha fatto capire quanto fossi poco presa dalla storia in realtà. Ciò non toglie che vi siano stati momenti molto intensi come quello dell'incoronazione, che mi ha messo i brividi:
❛❛ Un bastone venne battuto sonoramente per terra e la gente attorno a me urlò: "Dio salvi la regina!"
E io avvertii un brivido comprendendo appieno il significato di quelle parole.
 
Quindi consiglio sicuramente i primi tre libri e, sì, consiglio anche gli altri due, perché anche se può sembrare un po' irritante e nioso, come Eadlyn, vi stupirà.

Nessun commento:

Posta un commento